Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2017

Terremoto, neve...emergenza?

Quello che sta succedendo è enorme, qui da noi è caduto un metro di neve in meno di due giorni, neve pesantissima, ci sono crollati due fienili sotto il suo peso e con l'aiuto del terremoto...
E' tutto davvero spaventoso, sono molto abbattuta per quello che ci è successo, ma in realtà ho una rabbia enorme che mi sale sempre di più, pensando a tutte quelle persone ancora in tenda, nei camper, nelle roulotte, a quegli animali che stanno morendo di freddo e di fame.

Non è vero che non si poteva fare nulla, 5 mesi! Hanno aspettato 5 mesi! Non è un'emergenza è il tentativo deliberato di assassinare tutto un territorio.

Qui in inverno nevica e siamo abbandonati a noi stessi ad ogni nevicata, ora c'è stato il terremoto...ora...ad agosto, poi ad ottobre, poi adesso e poi chissà quando, l'appennino è zona sismica e sull'appennino nevica. Che non mi venissero a dire che questa emergenza è inaspettata. La neve in inverno qui non è inaspettata.

Uno dei fienili che ci sono …

E le attività produttive?

Ancora non ho parlato delle attività produttive e visto che ne ho una, parlerò della mia esperienza.
Come già sapete, con la mia famiglia abbiamo un'azienda agricola biologica.
Coltiviamo la terra, alleviamo bovini e suini e facciamo vendita diretta, questo significa avere stalle e laboratorio di macelleria aziendale.
La stalla è antisismica, costruita in legno e ferro da una ditta molto esperta e non ha avuto problemi per fortuna, il laboratorio di macelleria invece per noi è stato una grossa delusione, lo abbiamo fatto 11 anni fa restaurando un vecchio annesso agricolo e pensavamo fosse stato tutto fatto per il meglio, purtroppo non ha resistito alle scosse e pur se ancora in piedi e messo in sicurezza da agosto, si sta lentamente sgretolando.
Si sente dire in continuazione che le attività produttive hanno la priorità, che sono fondamentali per far ripartire il territorio, ma poi nella pratica cosa viene fatto?
I giornalisti in tv esultano per la casetta in legno donata alla bar…

Un po' di umidità

Stanotte la temperatura è scesa a -5°C, devo dire che non abbiamo sofferto il freddo e ancora teniamo acceso solo il condizionatore nella zona giorno, dato che non hanno fatto l'aumento di potenza dell'elettricità di cui ho già parlato.
Stamattina però nelle parti di "muro" più vicine al pavimento, nelle stanze, c'erano delle belle pozzanghere di condensa, questo perchè le pareti sono spesse solo 5 cm...
E ti dicono che 'sti cosi sono adeguati alle temperature rigide...







E ciliegina sulla torta...dato che ancora non ci hanno portato i mobili e non possiamo tirare dentro tutti i nostri, immaginate quanta roba c'è ammucchiata in scatole appoggiate a terra...che ovviamente si sono bagnate...