Passa ai contenuti principali

Le immagini sono importanti


Stavo pensando...ma io non ho mai postato qualche foto di casa, laboratorio ecc ecc qui sul blog...
Su Facebook quante ve ne pare, se vi va fate un giro sulla pagina della nostra azienda per dare un'occhiata.
Ma qui no...e in un blog in cui racconto la mia esperienza in questo terremoto, beh...direi che le foto sono il minimo.

C'è una premessa importante da fare, l'ho già detto ovunque, milioni di volte, ma è sempre bene ripeterlo:
io, la mia famiglia, noi insomma, ci riteniamo molto fortunati, nonostante quello che è successo nessuno di noi si è fatto male, possiamo continuare a lavorare e siamo tutti insieme in quella che è casa nostra (non l'edificio ovviamente), la nostra terra.

Detto questo, possiamo partire dall'inizio:
DOPO IL 24 AGOSTO
L'ho già raccontato, ma lo ripeto, dopo il 24 agosto la nostra casa ed anche il laboratorio di macelleria aziendale, sono stati dichiarati inagibili. Però si potevano riparare. 
Il danno principale alla nostra casa era un angolo spaccato da terra fino al tetto, la crepa era in tutto il muro, sia all'interno che all'esterno, erano ben visibili anche altre lesioni ma la maggior parte sembravano lievi, o comunque riparabili. In ogni caso, tutte queste lesioni sono state la causa di un'inagibilità di tipo E, cioè quel tipo di inagibilità che rientra nella ricostruzione cosiddetta pesante.


1. L'arco nel soggiorno.

2. L'angolo incriminato, quello per cui la casa è diventata inagibile
3. Lo stesso angolo, al piano superiore, non fate caso alle crepe più visibili, è un vano murato che ha tentato di riaprirsi, le crepe da notare sono quelle piccole all'angolo.


4. Sempre l'angolo incriminato visto da fuori, nella parte alta della casa.
Per quanto riguarda il laboratorio aveva un'inagibilità di tipo B e cioè un'inagibilità leggera con delle prescrizioni da rispettare, una volta eseguito quanto richiesto, viene data di nuovo l'agibilità (ad esempio sistemare le tegole pericolanti di un tetto o cose simili).

5. All'esterno del laboratorio.

6. Sempre il laboratorio, il solaio ha spaccato il muro

7. Inoltre l'angolo ha tentato di girarsi provocando l'uscita di una parte di muro.


8. Interno del laboratorio, stessa parete che si è spostata.
Tra il 24 agosto ed il 26/30 ottobre, le scosse sono state continue e piuttosto forti, quindi sia la casa che il laboratorio hanno continuato a peggiorare, fino a che abbiamo avuto la necessità di richiedere, insieme al nostro ingegnere, un nuovo sopralluogo per verificare l'aggravarsi delle lesioni al laboratorio, la casa anche se continuava a peggiorare aveva già l'inagibilità più grave che potesse avere, quindi non servivano nuovi sopralluoghi.
Poi ci sono state le scosse del 26 e del 30 ottobre.

DOPO IL 30 OTTOBRE
Dopo le scosse del 26 e 30 ottobre la casa è peggiorata molto...adesso è da demolire...è sempre tutta in piedi per fortuna, ma tutti i muri sono molto danneggiati e in una vecchia casa con i muri a sacco, non è il caso di intervenire per "aggiustare" il danno perchè ormai la resistenza dell'edificio è compromessa.

9. Un angolo della casa si sta staccando (ora i mattoni sono caduti del tutto)

10. Messa in sicurezza per evitare che la casa si apra (tentativo di salvare i mobili al suo interno)

11. L'angolo della foto 2 (decisamente peggiorato)

12. L'arco della foto 1

13. Nuove "croci di Sant'Andrea" passanti (dentro e fuori)

14. Vista dall'interno dell'angolo della foto 9 (con citazione dei Rancid 😊)

15. Evoluzione foto 3


16. Il muro anteriore della casa ha tentato di staccarsi
17. Il laboratorio, si vedono le staffedella messa in sicurezza dopo agosto...ma è peggiorato ugualmente


18. Lo stesso muro della foto 7 che ora è uscito ancora di più
19. Stesso muro all'interno (stesso interno della foto 8)

Ecco, questa è una piccola parte di quello che è successo, dei danni che ci sono e di quello che significano in termini di sicurezza, agibilità, inagibilità ecc ecc.
Non sono una fotografa per cui non so se le foto rendono l'idea, quello che so è che chi ha visto le foto e poi ha visto di persona, non si aspettava quello che ha trovato.
Più passa il tempo, più le strutture peggiorano, perchè qui le scosse continuano e gli edifici le sentono tutte, pure quelle che noi non percepiamo.

Appena avrò un po' di tempo, andrò avanti con la documentazione fotografica...avoja se ne ho da raccontare/mostrare...il MAPRE, un metro e mezzo di neve, i fienili crollati, la condensa ecc ecc
Basta attendere fiduciosi!

Commenti

Post popolari in questo blog

Quelli bravi a minimizzare

Oggi il nostro Presidente della Regione se ne è uscito con l'ennesima esternazione che mi fa dubitare della sua umanità.
Se volete leggere tutto l'articolo, lo trovate QUI la parte su cui vorrei concentrarmi, comunque è questa:
Terremoto, famiglie senza acqua calda. Ceriscioli minimizza: «Non si è rotta una centrale nucleare»

"Terremoto, famiglie senza acqua calda. Ceriscioli minimizza: «Non si è rotta E’ polemica sulla questione dei boiler installati sui tetti delle casette di Visso, Gualdo di Castelsantangelo ed Arquata del Tronto. Alcuni dispositivi non hanno retto alle temperature gelide dei giorni scorsi e hanno lasciato diverse famiglie senza acqua calda. Sulla vicenda è intervenuto il Presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, che a margine della presentazione del report su stalle e fienili sistemati nell’ultimo anno nelle zone sismiche ha voluto fare chiarezza: «La ditta ha già riparato quelli rotti, in alcune zone le protezioni non erano state ancora messe …

Delocalizzazione aggrovigliata

Parliamo dell'ordinanza 9.
Sapete cos'è?
È una delle ordinanze emanate dall'ex commissario Errani che tratta la delocalizzazione delle attività produttive e la sostituzione delle attrezzature danneggiate dal sisma e ve la potete leggere QUI. Facciamo un esempio a caso: il mio.
Come sanno tutti ormai,la nostra macelleria aziendale, così come la casa, ha un'inagibilità grave (di tipo E); bene, grazie ai potenti e rapidi mezzi della Regione Marche, che ha scaricato sui comuni il compito di sbrogliare una matassa molto ingarbugliata, il 10 ottobre 2017 (dieciottobreduemiladiciassette) ci è stato consegnato il modulo provvisorio in cui spostare la nostra attività.
Tralasciamo il fatto che il modulo in cui lavorare è coibentato il doppio di quello che ci hanno dato per vivere; che si tratta di un modulo di emergenza ed è arrivato circa 13 mesi dopo la scossa di agosto e la dichiarazione di inagibilità e tralasciamo anche il fatto che, con queste tempistiche, se non avessimo …

Le grandi manovre

Cerco di scrivere questo post da almeno dieci giorni...
Oggi lo devo scrivere per forza perché...
...perché stamattina sono finalmente iniziati i lavori per fare la gettata di cemento su cui andrà appoggiato il laboratorio provvisorio per la nostra macelleria aziendale!!!
Evvivaaaaaa!!! La Regione Marche è riuscita in 11 (UNDICI) mesi ad iniziare i lavori per una struttura di emergenza!!!!
Oh...ho detto inizare, mica che il laboratorio già sta qui funzionante...vedremo quanto ci vorrà per essere di nuovo operativi da qui.
Bene, proprio una decina di giorni fa raccontavo tutte le nostre peripezie ad un amico amandolese e terremotato che però è stato molti mesi via per cui non conosceva la nostra storia nei dettagli.
Devo fare un sunto? eccolo:
-24 agosto 2016 inagibilità di casa e laboratorio
-30 ottobre 2016 casa e laboratorio da demolire
-vengono in "visita" istituzioni di ogni genere che garantiscono la fornitura immediata di un modulo lavorativo perché "le attività p…